tinaba banca profilo roboadvisor investimenti

Un nuovo servizio digitale di gestione patrimoniale, a commissioni ridotte e soglia di investimento minima: sono queste le premesse che hanno portato alla nascita del Roboadvisor di Banca Profilo e Tinaba, pensato per favorire l’accesso al private banking a una nuova generazione di grandi, piccoli e giovani risparmiatori.

 

Finora riservata ai possessori di grandi patrimoni, la gestione professionale degli investimenti diventa così alla portata di tutti grazie all’unione fra la tecnologia proprietaria di Tinaba e la competenza e indipendenza di Banca Profilo, tra le banche più solide del panorama finanziario europeo.

 

Come funziona

Attraverso la App Tinaba il servizio può essere attivato in ogni momento, facendo “tap” sulla sezione “Investimenti” nel menù. Dopo aver risposto ad alcune domande sulle proprie abitudini di risparmio è possibile scegliere tra numerose linee di gestione patrimoniale, in base al profilo di rischio personale e al rapporto tra rischio e rendimento desiderato.

 

Il servizio è attivabile a partire da una soglia di investimento minima di duemila euro, senza vincoli temporali di durata dell’investimento e con la possibilità di modificare il portafoglio o disinvestire in qualsiasi momento (con riaccredito entro 48 ore). I rendimenti maturati e l’andamento dei mercati possono essere controllati in ogni momento tramite la App.

 

La newsletter

In contemporanea al lancio del Roboadvisor è possibile da oggi iscriversi alla newsletter quindicinale di Banca Profilo, rivolta a tutti i clienti della Banca e di Tinaba e a coloro che vogliono migliorare la propria conoscenza sul mondo degli investimenti e delle nuove tecnologie fintech.

 

Non sei ancora cliente Tinaba? Fai subito una simulazione del Roboadvisor oppure visita la pagina dedicata sul sito di Banca Profilo per maggiori informazioni e per iscriverti alla newsletter.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.