Mobile crowdfunding via app: come lanciare una raccolta fondi tramite Tinaba
raccolta fondi tinaba

raccolta fondi tinaba
 
Un ricovero per gatti randagi. Un aiuto per i senzatetto. Un campo da calcetto coperto per i più giovani. Un aiuto ai bambini in condizione di disagio a scuola. Queste sono le ultime campagne di raccolta fondi lanciate in questi giorni su Tinaba, la prima App di gestione social del denaro al mondo che rende possibile raccogliere piccole e grandi somme per una buona causa, utile allo sviluppo del proprio quartiere o città.
 
In Italia, il 2017 è stato un anno di svolta per il crowdfunding. Secondo l’annuale report Starteed presentato a Sharitaly, nell’ultimo anno (escluso dicembre) sono stati raccolti nel nostro Paese oltre 41 milioni di euro attraverso piattaforme di crowdfunding, di cui 9,4 milioni solo nel settore donation e reward, in crescita del 26% rispetto all’anno precedente.
 
In questo senso, l’utilizzo di piattaforme come Tinaba consente di incrementare sensibilmente le donazioni raccolte, in quanto le commissioni sono ridotte del 100%: ogni euro donato è un euro che arriva a destinazione, a prescindere dal numero di partecipanti effettivi.
 

Primi passi

Prima di iniziare la vostra campagna di raccolta fondi su Tinaba, creando una “Iniziativa pubblica” nella sezione “All” della App, è importante avvisare in tempo utile i vostri primi, potenziali donatori. Una raccolta fondi, infatti, non inizia quasi mai al momento della creazione della campagna: prima della pubblicazione, è importante assicurarsi di poter contare su un discreto numero di donatori iniziali per dare fin da subito la massima visibilità alla propria iniziativa.
 
In questo, Tinaba vi viene in aiuto: per ogni amico che si registra a Tinaba Level B tramite il “codice invito” che trovate nel menù della App (alla voce “Invita un amico”), riceverete entrambi 5 euro di bonus. Fino al 31 dicembre, inoltre, per ogni 5 amici che si iscrivono riceverete in totale 50 euro di bonus, da usare per provare la nuova esperienza d’acquisto Tinaba presso gli esercenti convenzionati.
 
Una volta che tutti i vostri potenziali donatori sono registrati a Tinaba, è il momento di definire meglio il vostro obiettivo e preparare la vostra strategia di comunicazione: nulla che non possiate fare da soli, o con l’aiuto di un amico.
 

Definite il vostro obiettivo,

scegliete con cura le parole per descriverlo

Non è importante solo quanto riuscite a raccogliere, ma il numero di persone con cui il crowdfunding vi permetterà di entrare in contatto. Qualcuno donerà 100 euro, qualcun altro solo 10 euro, ma potrà allo stesso tempo fornirvi preziosi consigli per il vostro progetto o condividere la vostra raccolta fondi con i suoi contatti. Per questo, è importante sia definire un obiettivo di raccolta credibile (quanto può costare un nuovo campo da calcetto? Che cosa volete fare, precisamente, con il denaro raccolto per il gattile?), sia scegliere le parole giuste per descrivere la vostra campagna.
 
Nel dubbio, impostate un obiettivo leggermente più basso di quello che desiderate raccogliere. Se raccoglierete più denaro di quanto previsto la comunicazione della vostra campagna ne risentirà positivamente. Se ne raccogliete meno, potrete comunque utilizzare il totale raccolto per finanziare almeno in parte il vostro progetto. Il crowdfunding non è un’operazione una tantum, ma uno strumento di creazione di valore a partire dalla condivisione di uno stesso obiettivo con altre persone.
 

Condividete l’iniziativa pubblica,

in maniera strategica

Non limitatevi a inviare il link alla campagna a tutte le persone con cui siete in contatto. Non pensate che basti pubblicare un post sul vostro profilo Facebook, per convincere tutti i vostri 500 amici a donare. Tinaba vi consente sia di invitare i vostri amici già iscritti alla App, sia di inviare un link alla vostra campagna tramite mail, social media, chat: prendetevi il tempo per scrivere un breve messaggio personalizzato attraverso ciascuno di questi canali. Spiegate lo scopo della vostra iniziativa, il vantaggio nell’utilizzare Tinaba (praticità e velocità della App, assenza di commissioni, trasparenza..), e in che modo il vostro interlocutore vi può aiutare nel raggiungere il vostro obiettivo.
 
Dedicate un minuto in più a ciascuna persona: in un’epoca in cui tutto avviene più velocemente di prima, donare un po’ del nostro tempo agli altri è la premessa necessaria per ricevere qualcosa in cambio.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.