Proteggi il tuo denaro in vacanza - Tinaba

Quali sono le città più pericolose per i turisti?

Il noto sito internazionale Numbeo ha stilato una classifica riguardante il tasso di criminalità percepito nelle città europee. Per ogni città è stato calcolato un indice di criminalità che le fa rientrare in fasce di criminalità “molto bassa”, “bassa”, “moderata”, “alta” e infine “molto alta”.

Allo stesso tempo la Farnesina ha stilato un elenco più ampio che supera i confini europei. Tralasciando i paesi con dissidi e guerre interne, tra quelli sconsigliati a causa della microcriminalità troviamo la Tunisia (fenomeni di furti, borseggi e altri episodi di micro-criminalità sono in tendenziale aumento), la Nuova Guinea (elevatissima criminalità e scarsa efficienza delle forze di sicurezza locali) e Filippine (Borseggi, scippi, furti sono praticati in tutto il Paese).

È comunque possibile prevenire ed evitare i fenomeni di microcriminalità

Fai attenzione a quello che ti circonda, metti al sicuro i tuoi averi e informati bene. Prima di partire scopri il tasso di criminalità nella tua destinazione ed eventualmente stipula un’assicurazione. Cerca di girare con meno denaro possibile e suddividilo tra tasche e marsupi. Utilizza la carta di credito, se la perdi ti basterà chiamare la tua banca e bloccarla, o meglio ancora tieni il denaro al sicuro sul tuo smartphone.  Come? Utilizzando App per la gestione del denaro come Tinaba.

Gestire il tuo denaro in vacanza

Tinaba ti permette di gestire il tuo denaro completamente da App. Con Tinaba puoi anche trasferire sulla carta, gratuitamente e in tempo reale, solo l’importo necessario per il pagamento. In questo modo i soldi sono al sicuro sul tuo account e, in caso di furto o smarrimento della tua prepagata, non perdi neanche un centesimo. Nel caso in cui fosse invece il tuo smartphone a sparire, la cosa è ancora più semplice, l’account Tinaba è protetto da password (o Touch ID/Face ID) e nessuno avrà la possibilità di accedere al posto tuo!

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.