2019: l'anno del sorpasso del mobile sull'home banking
mobile banking app

App new year”: no, non è un errore di battitura. Secondo l’ultima ricerca di Smart Money l’atteso sorpasso del mobile banking via app sulle forme più “tradizionali” di home banking è già avvenuto, perlomeno nel Regno Unito.

L’ultima ricerca, basata sulle risposte di oltre 13 mila persone, conferma come ormai quasi il 40% dei consumatori d’oltremanica preferisca utilizzare una o più app per accedere ai servizi bancari e finanziari di base, rispetto al 38,6% che utilizza ancora prevalentemente l’online banking.

Il dato è ancora più sorprendente se lo si confronta con i risultati di non più tardi di un anno fa, quando l’online banking superava il 45% delle preferenze e il mobile banking si attestava al 30%. Si riduce sempre più invece la percentuale di coloro che preferiscono recarsi in filiale (dal 12,2% all’11%).

A guidare il cambiamento sono, come prevedibile, i più giovani e i giovani adulti. Le app sono lo strumento preferito per chi ha meno di 45 anni di età, mentre l’online banking tradizionale rimane predominante nelle classi più anziane. Anche se non sono pochi gli over 65 che hanno già familiarizzato con i nuovi strumenti digitali (12,9% del totale).

E in Italia? La penetrazione dell’home banking è ancora a livelli inferiori rispetto al resto del continente, pur con notevoli disparità da regione a regione. Se la media italiana di accesso all’home banking è ferma al 31%, rispetto al 51% della media UE, va comunque sottolineato come nel nostro Paese le percentuali di adozione vadano dal 40% delle regioni del Nord a poco più del 20% delle regioni del Sud (con la Calabria fanalino di coda, al 16%).

L’esempio del Regno Unito, infine, dimostra come l’innovazione possa diffondersi anche in tempi relativamente ristretti, ribaltando nel giro di pochi mesi processi e abitudini consolidate, grazie all’emergere di nuovi player sul mercato come le aziende fintech. I numeri, in questo senso, offrono già un’anticipazione di quello che potrebbe accadere nei prossimi mesi: secondo l’ultimo Osservatorio Fintech & insurtech oltre un italiano su quattro ha già provato servizi bancari e finanziari innovativi nel corso dell’ultimo anno, in crescita del 54% rispetto al 2017. È  proprio il caso di dirlo: buon “App new year” a tutti.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.