carta tinaba samsung pay google pay

Le innovazioni vere si riconoscono quando riescono ad anticipare il cambiamento. Tinaba, la prima App social di gestione del denaro, è anche la prima fintech utilizzabile in tutto il mondo grazie alla Carta Tinaba prepagata, gratuita e ricaricabile direttamente dalla App.

 

La carta prepagata ricaricabile senza commissioni

La Carta Tinaba fa parte del circuito Mastercard e non ha spese di gestione per tutti i clienti Tinaba. Può essere ricaricata direttamente dalla App senza costi di commissione, perfino per quanto riguarda importi superiori ai 25 euro (il contrario di quanto avviene, ad esempio, con la carta prepagata Postepay), e si può usare per ritirare contante al bancomat o fare acquisti in tutto il mondo e online. Sempre senza commissioni.

Puoi ricaricarla da qualsiasi smartphone

Con Tinaba è possibile non solo ricaricare la Carta, ma anche condividere e inviare denaro con i propri contatti della rubrica telefonica in maniera istantanea e ovunque nel mondo.

In questo senso la Carta Tinaba è davvero la prima carta prepagata che può essere ricaricata da qualsiasi smartphone: se due amici sono clienti Tinaba, è infatti sufficiente inviare una somma di denaro con un “trasferimento” da un cellulare all’altro. L’amico che riceverà il denaro non dovrà fare altro che trasferire i soldi sulla carta prepagata in pochi, semplici passaggi. Esiste qualcosa di più immediato?

Ora anche su Google Pay e Samsung Pay

Rispetto ad altre carte, la Carta Tinaba si distingue per la possibilità di poter essere associata anche agli account Samsung Pay e Google Pay, da poco disponibili in Italia. Seguendo la semplice procedura di registrazione della carta sul proprio cellulare Samsung, o su qualsiasi dispositivo Android abilitato a Google Pay, è possibile usare il cellulare per pagare nei negozi ed esercizi commerciali in grado di ricevere transazioni con tecnologia NFC, senza portare con sé la Carta nel portafoglio.

Non sei ancora utente Tinaba? Registrati subito!

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.