Pranzo in ufficio: cinque app per condividere la pausa con i colleghi
app pranzo ufficio colleghi

Il New York Times lo ha definito “desktop dining”: è la prassi di consumare il pranzo in ufficio davanti al computer, senza scambiar parola con i colleghi e senza disconnettersi nemmeno per un minuto dalle mail e chat di lavoro. Un’abitudine forse più diffusa nei Paesi anglosassoni, dove il 62% dei professionisti dichiara di non abbandonare la postazione di lavoro nemmeno durante la pausa pranzo, utilizzando le app di “food delivery” per farsi portare il cibo direttamente in ufficio.

Mangiare da soli, davanti al computer, non serve tuttavia ad aumentare la propria produttività. Spesso ci si ritrova a guardare la homepage di Facebook, oppure a rispondere alle mail in maniera sbrigativa e distratta. Non a caso, infatti, una ricerca della Cornell University’s Food ha dimostrato la stretta correlazione tra performance di lavoro e l’abitudine di pranzare insieme ai colleghi. Una scelta che le app di food delivery rendono oggi ancora più conveniente e piacevole.

Nel corso del 2018, infatti, quasi un italiano su due ha ordinato il cibo da smartphone (o dal pc), in crescita del 47% rispetto all’anno precedente (dati Coldiretti/Censis). E se il numero di persone che ordinano il cibo in ufficio insieme ai colleghi è ancora minoritario rispetto al totale (poco più del 30%), nel corso del prossimo anno si prevede un’ulteriore crescita nel mercato del food delivery in ufficio, man mano che le diverse app estenderanno le loro zone d’influenza anche alla provincia italiana.

Le App per il pranzo in ufficio insieme ai colleghi

Just Eat, per mettere d’accordo tutti. Con una rete di oltre seimila ristoranti, presente in più di 400 comuni italiani e con oltre 50 tra modalità di cucina locale e internazionale, Just Eat non gestisce direttamente le consegne ma funge da intermediario tra i ristoranti e le persone che ordinano il cibo. Da utilizzare se i vostri colleghi hanno abitudini e gusti alimentari molto diversi tra loro, e nessuno è disposto a scendere facilmente a compromessi.

Foodracers, per chi vive in provincia. Italiana, basata su un network consolidato di fattorini (i “racers”) che ricevono la richiesta direttamente sullo smartphone, è attiva anche nei piccoli e medi centri della penisola (soprattutto in Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna). Il cibo ordinato viene consegnato, a costi tutto sommato ridotti, in appositi contenitori isotermici.

Glovo, per chi non cerca solo la pausa pranzo. Adatta per chi deve ordinare il pranzo in ufficio da un ristorante, ma anche per qualsiasi altro tipo di consegna, sia che si tratti di prodotti da farmacie, mazzi di fiori, spesa alimentare, giochi per i bambini o prodotti di abbigliamento. Con la possibilità di seguire il percorso dell’ordine e del corriere direttamente dalla mappa. Da utilizzare se vivete o lavorate in zone periferiche e non avete mai tempo di fare un salto in negozio.

Foorban, il primo ristorante digitale. Primo ristorante digitale italiano, si distingue dalle altre aziende per il fatto di non essere “solo” una piattaforma di food delivery. Foorban si occupa della preparazione del cibo, cucinato in laboratorio secondo le indicazioni di chef nutrizionisti (e pensato appositamente per chi deve consumarlo dopo il trasporto), della gestione degli ordini e della consegna dei piatti direttamente in ufficio. Nominata tra le 100 migliori startup italiane del 2018, dopo il lancio a Milano l’azienda è pronta ad espandere il suo raggio d’attività anche nel resto d’Italia.

Tinaba, per dividere le spese con i colleghi. Non è una App di food delivery, bensì la prima applicazione social di gestione del denaro. Con Tinaba è possibile sia fare pagamenti singoli, sia creare un “conto condiviso” con gli altri colleghi in ufficio per raccogliere i soldi del pranzo, senza doverli anticipare di persona o perdere tempo nel dare indietro il resto. Gratuita, intuitiva, immediata, Tinaba consente di trasferire istantaneamente i soldi raccolti su una Carta prepagata ricaricabile da App e utilizzabile su tutte le principali App di food delivery.

Non sei ancora cliente Tinaba?

   

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.